Perché è importante misurare l’acuità visiva

misurare acuità vista

Misurare l’acuità visiva è uno degli obiettivi principali della visita oculistica. Si tratta di un test a dir poco fondamentale che, se eseguito correttamente, può portare ad un notevole miglioramento della qualità di vita. I disturbi visivi, siano essi miopia, ipermetropia o astigmatismo, possono infatti incidere notevolmente sulle azioni quotidiane.
All’interno di questo articolo ti spiegheremo l’importanza di una valutazione accurata dell’acuità visiva.

Perchè è importante misurare l’acuità visiva?

Il cervello e gli occhi comunicano tramite una spefica fibra nervosa, ossia il nervo ottico. Esso registra le informazioni captate dai coni e dai bastoncelli, i fotorecettori presenti all’interno della retina, e le trasmette fino al lobo occipitale del cervello, che è responsabile della funzione visiva primaria. Dal cervello, l’informazione visiva ritornerà agli occhi attraverso il nervo ottico, e ci consentirà di osservare l’immagine elaborata.

Quando ci sono problematiche oculari, tipicamente a livello del cristallino o della retina, l’immagine che il nervo ottico invierà al cervello presenterà dei problemi. Queste anomalie possono riguardare:

  • la messa a fuoco
  • la presenza di aloni
  • lo sdoppiamento di alcune immagini
  • e persino la comparsa di macchie scure che ci impediscono di vedere alcuni oggetti o parti di essi.

Per questo, valutare ed eventualmente correggere la propria acuità visiva, permette al cervello di registrare un immagine corretta, facendoci osservare il mondo che ci circonda con chiarezza e nitidezza.

Ma cosa succede se non si correggono i deficit visivi?

Le problematiche correlate a fattori oculistici sono svariate e possono presentare numerosi sintomi, anche invalidanti, come:

  • frequenti mal di testa o frome di emicrania: presenti principalmente nella miopia o nell’ipermetropia, quando l’occhio si sforza per mettere a fuoco rispettivamente figure lontane o vicine.
  • disorientamento: tipica dell’astigmatismo, in cui le figure e gli angoli degli oggetti possono apparire sfocate e confuse.
  • ritardi nello sviluppo cognitivo: prevalentemente nei più piccoli. Un bambino che presenta problemi di acuità visiva avrà anche difficoltà a leggere, a scrivere e a seguire le lezioni. Se parliamo poi di bimbi molto piccoli, non ancora in età scolare, essi potrebbero anche mostrare serie difficoltà nel muoversi correttamente per la stanza, nel gattonare o camminare in maniera spedita, o addirittura nel parlare. Uno dei principali elementi che garantisce lo sviluppo della capacità cominucativa del bambino è infatti l’osservazione del labiale. Un bambino che presenta deficit nell’acuità visiva non riuscirà ad osservare in maniera nitida le labbra della propria mamma, e per questo potrebbe iniziare a parlare molto più tardi rispetto ai suoi coetanei e con molte più difficoltà.

In cosa consiste una visita per misurare l’acuità visiva?

La visita per l’acuità visiva può essere effettuata o presso un oculista oppure in un centro ottico che presenti opportuni strumenti per l’esame: esso consiste nel far leggere delle lettere su un tabellone e correggendo eventuali impossibilità alla lettura applicando sugli occhi delle lenti correttive. Nel caso di bambini molto piccoli che non sappiano ancora leggere correttamente le lettere, è possibile adattare la visita facendo visualizzare loro delle immagini da descrivere.

ItalianOptic è il tuo ottico di fiducia, vieni a scoprire tutti i modelli nei nostri punti vendita!

Altri articoli

Yves saint Laurent

Yves Saint Laurent

La storia, le curiosità e lo stile inconfondibile di Yves Saint Laurent La storia Fondato nel 1961 da Yves Saint Laurent e il suo partner

Read more >